• Spazio1
  • Spazio1
  • Spazio1
  • Spazio1

DETTAGLIO ARTICOLO

indietro alle cure naturali oppure indietro

I GATTI PROTEGGONO I NEONATI DALL'ASMA
Testo articolo : Chi ha detto che i gatti devono stare lontani dai neonati? Un nuovo studio condotto dagli scienziati danesi ha rivelato che la loro presenza non solo protegge i piccoli dall'asma ma potrebbe anche aiutarli a combattere l'obesità e il diabete. Lo studio, condotto dal Copenhagen Studies on Asthma in Childhood Research Center (COPSAC), ha rivelato che i gatti neutralizzano l'effetto di un gene che, se attivato, raddoppia il rischio di sviluppare l'asma nei bambini. Di conseguenza, avere un gatto in casa insieme a un bambino appena nato fa sì che il gene non venga mai attivato. Bisgaard, Jakob Stokholm e tre colleghi del COPSAC e del Næstved Hospital, hanno studiato i dati di 377 bambini danesi le cui madri soffrivano di asma.   Essi hanno mappato i geni dei bambini e hanno raccolto informazioni sulla loro educazione e sulle loro abitudini, prelevando campioni dalla casa in cui vivevano e sottoponendo i genitori a una serie di indagini. I risultati hanno mostrato che i gatti azzerano il rischio di sviluppare l'asma nei bambini con una particolare variazione del gene 17q21, chiamato TT, responsabile dell'asma nei piccoli. Quasi 1 bambino su 3, nello studio, aveva la variante del gene TT, indipendentemente dal fatto che la madre avesse o meno l'asma. È interessante notare che solo i gatti sembravano ridurre il rischio di sviluppare l'asma nei bambini che presentavano la variante genetica. I cani non riuscivano ad ottenere lo stesso effetto. Non solo asma   Le analisi suggeriscono che i gatti proteggono dall'asma ma anche dalla polmonite e dalle infiammazioni nelle vie aeree inferiori dei bambini piccoli come la bronchite. Il gene 17q21 è noto per essere coinvolto in tutte e tre le condizioni. Il risultato è sorpreso dal co-autore Hans Bisgaard, professore di pediatria e capo del COPSAC. Non perché i risultati porteranno a nuovi trattamenti - non lo faranno - ma perché lo studio dimostra che i geni dietro una malattia possono essere accesi o spenti a seconda dell'ambiente che ci circonda. “Sembra che l'effetto sia legato a una particolare variante genica, che dimostra quanto sia complesso lo sviluppo di asma e di allergie. Non riguarda solo i geni e l'ambiente, ma come i due interagiscono, ci sono ancora tante cose che non ancora sappiamo” ha detto il dottor Arne Høst.Saranno necessari altri studi per valutare anche che tipo di esposizione ai gatti è necessari durante l'infanzia per ridurre il rischio di asma infantile. https://www.greenme.it/vivere/speciale -bambini/25660-gatti-asma-bambini

indietro